.

SOSTIENI CAGLI ALERT FAI UNA DONAZIONE

Guarda questo video PGR ti ringrazia

CAGLI ALERT

ARCHIVIO NOTIZIE CAGLIESI

CERCA NEL BLOG

lunedì 3 giugno 2013

L'entroterra non molla

www.quiflaminiamarche.corrierenazionale.it
L'entroterra non molla


Fossombrone - "L'unico aspetto positivo di questa riforma è l'unità dei tanti gruppi di resistenza locale". Lo ha detto il Coordinamento provinciale La Salute ci Riguarda a margine della manifestazione organizzata questa mattina a Fossombrone.


Partito sotto un cielo grigio che minacciava pioggia e dopo che qualche goccia era caduta, il corteo ha attraversa il centro di Fossombrone e ha raggiunto il municipio con i sindaci dell'ex comunità montana in testa e, come richiesto dal Coordinamento, senza bandiere politiche, anche se tra gli intervenuti, qualche esponente politico si è potuto riconoscere.


"Oggi c'erano non solo i rappresentanti dei comitati cittadini di Fossombrone ma anche del Comitato di Cagli e dei Comitati in rete - spiegano gli organizzatori -. In particolare questi ultimi durante la mattina hanno proposto ai sindaci del territorio una ordinanza sul ripristino del laboratorio analisi e ai cittadini una raccolta di firme a sostegno di tale ordinanza. Numerose anche le future azioni legali annunciate".


"Non molliamo - spiega il Coordinamento - è il messaggio del corteo che si è tenuto nella città simbolo di una riforma che colpisce tutta la provincia e in particolare l'entroterra e che qui, prima che altrove, nonostante le tante contestazioni da parte dei cittadini sta già mostrando le sue conseguenze".


Appena arrivati davanti al municipio, un gruppo di ragazzi di Cagli che ha aderito all'iniziativa, ha allestito una croce rossa che al suono di una sirena è diventata nera, rappresentando così l'ansia di un territorio che si vede sottrarre l'assistenza ospedaliera.


Subito dopo diversi medici del territorio, alla presenza di tutti i comitati locali e dei sindaci del territorio, hanno spiegato che dietro alle future casa della salute o ai Punti di primo intervento e ai posti letto di cure intermedie non c'è più l'ospedale e che queste trasformazioni sono state decise nonostante le proteste di medici, sindacati, cittadini e amministratori.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.