.

SOSTIENI CAGLI ALERT FAI UNA DONAZIONE

Guarda questo video PGR ti ringrazia

CAGLI ALERT

ARCHIVIO NOTIZIE CAGLIESI

CERCA NEL BLOG

giovedì 27 maggio 2010

L’assemblea di Labirinto approva il bilancio

Pesaro, 27 Maggio In un Auditorium Montani Antaldi gremito di soci si è svolta l’assemblea della cooperativa sociale Labirinto, a cui hanno partecipato anche numerose autorità: il presidente della Provincia Matteo Ricci, l’assessore provinciale Alessia Morani, gli assessori del Comune di Pesaro Luca Pieri, Antonello delle Noci e Gerardo Corraducci, che nel suo saluto ha rilevato la qualità della filosofia di impresa che è emersa dall’esposizione del bilancio di Labirinto, effettuata dal presidente Gianfranco Alleruzzo e da altri amministratori della cooperativa. Il costo del lavoro rappresenta infatti l’85% sui costi della cooperativa, mentre nell’industria manifatturiera incide normalmente per non più del 20%. I numeri esposti nel rendiconto sociale parlano di un uso del tutto insignificante dei “co.co.pro” (6 contratti, a fronte di 565 assunzioni), di 379 contratti a tempo indeterminato a fronte di solo 192 contratti a termine, di livelli occupazionali rimasti inalterati tra il 2008 e il 2009, in un contesto che ha visto ovunque il contrarsi dell’occupazione. Labirinto si conferma inoltre una cooperativa “al femminile” con 486 donne occupate. I soddisfacenti risultati di bilancio, approvati all’unanimità dall’assemblea, e l’affermazione della “specificità” della cooperativa Labirinto nel sistema economico e sociale locale non hanno messo in secondo piano le preoccupazioni per i tagli progressivi alla spesa sociale determinati nelle ultime leggi finanziarie e che la manovra varata in questi giorni può trasformare in un vero e proprio smantellamento del welfare locale. Ha assunto quindi un particolare significato la presentazione del percorso comune con la Cooperativa Sociale “La ginestra due” di Pesaro; Gastone Balestrini, attuale presidente di questa cooperativa è stato eletto Consigliere di Amministrazione di Labirinto in sostituzione di un amministratore trasferitosi in altra città. Anche questa operazione societaria rafforza Labirinto nella sfida per il mantenimento dei livelli di welfare locale, che vedrà una riduzione dei servizi dati in appalto dalle amministrazioni pubbliche ed una crescita dei servizi offerti direttamente dalle cooperative sociali, senza finalità di lucro e al tempo stesso senza sfruttare i lavoratori con condizioni e salari non contrattuali. A fronte degli ingenti tagli alla spesa sociale pubblica, le cooperative sociali, e Labirinto in prima persona, intendono essere un baluardo per evitare che la logica del profitto invada anche i servizi alle fasce più deboli della popolazione.
blog it

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.