.

SOSTIENI CAGLI ALERT FAI UNA DONAZIONE

Guarda questo video PGR ti ringrazia

CAGLI ALERT

ARCHIVIO NOTIZIE CAGLIESI

CERCA NEL BLOG

giovedì 1 luglio 2010

Giochi, musica e bus navetta gratuito. Stasera si parte

clipped from www.facebook.com
CAGLI IN FESTIVAL - ex Festival della Birra - CAGLI
Giochi, musica e bus navetta gratuito. Stasera si parte
blog it

blog it
Il tributo ai Queen della Mercury Band. Si apre così la settima edizione di Cagli in Festival, dall’1 al 4 luglio, nell’arena di Sant’Emidio. Tante le novità di una formula ormai collaudata, nata nel segno di buona musica e birra di qualità, ma che l’unica esagerazione che ha sempre consentito, è quella del divertimento. Sicurezza resta la parola d’ordine che, in questa edizione, ha un complice in più. Oltre al test che misura il tasso alcolico, infatti, gli organizzatori hanno previsto un servizio navetta gratuito, dalle 20 alle 3 di venerdì e sabato, che da Cagli raggiunge Acqualagna fino a Pole, Frontone, Pergola e Cantiano: la garanzia di rientrare in tutta sicurezza e comodità con, in più, la possibilità di tragitti speciali su richiesta (info: 338-1175589). Già molto, certo, ma non l’unica novità di questa 4 giorni. Il repertorio musicale si arricchisce, pensando anche ai più adulti, con le migliori orchestre locali che animeranno la pista da ballo dalle 21 alle 24 di sabato e domenica, mentre i più piccoli potranno divertirsi nei giochi gratuiti. E giochi ci sono anche per i meno piccoli. Ma restano le grandi cover il segno distintivo del festival che, dopo il tributo ai Queen della Mercury Band il giovedì, ospiterà, il venerdì, il tributo a Vasco, con i Vasco Real Tribute e il 3, la febbre del sabato sera è On the radio (inizio serate alle 22,30). Domenica sera, infine, con un po’ d’anticipo, alle 22, a salire sul palco sarà la rockband The Fottutissimi. L’ingresso in arena è libero e gli aggiornamenti di Cagli in Festival sono anche su Facebook.

2 commenti:

  1. e mi aspettano 4 (quattro) notti in bianco, visto che vivo davanti all'arena purtroppo... meno male che sono in ferie... penso a quei poveretti che domani si dovranno alzare alle sei per andare al lavoro, o a quegli altri che sono ricoverati in ospedale, visto che dista 100 m. in linea d'aria. Quando si organizzano queste ... non so come chiamarle, bisognerebbe pensare anche agli altri e non solo alla birra e alla musica spaccaorecchi...

    RispondiElimina
  2. Io sto in piazza e sentivo bene posso capire.

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento.