.

SOSTIENI CAGLI ALERT FAI UNA DONAZIONE

Guarda questo video PGR ti ringrazia

CAGLI ALERT

ARCHIVIO NOTIZIE CAGLIESI

CERCA NEL BLOG

mercoledì 25 maggio 2011

E' pace fra Baldelli e Catena

E' pace fra Baldelli e Catena
Autore: m.c.
blog it
CAGLI _ Dopo decenni di contrapposizioni su, viabilità, scuole, sede vescovile, della Comunità Montana e tante “guerre tra poveri” per difendere o potenziare i propri ospedali, non era mai successo che tra i sindaci di Cagli e Pergola…..scoppiasse finalmente la pace. Una pace chiesta nella sede comunale di Cagli pubblicamente con una simbolica stretta di mano, dal sindaco di Pergola Francesco Baldelli al sindaco di Cagli Patrizio Catena. Una pace che ha avuto l’imprimatur di altri sindaci del territorio, consiglieri regionali, politici e tanti cittadini, presenti sabato mattina per l’incontro sulla difesa degli ospedali organizzato dal consigliere provinciale dell’UDC Marcello Mei. Ebbene nel corso del suo intervento, il sindaco di Pergola Baldelli sorprendendo tutti, ha chiesto pubblicamente a Catena di rompere finalmente una storica rivalità per unirsi in tante battaglie comuni per il rilancio di un territorio che non desidera rassegnarsi ad un lento declino. E proprio il tema più scottante che da decenni ha sempre contrapposto Cagli e Pergola, quello per la sopravvivenza dei due ospedali, è stato ora il collante che potrebbe aver messo la parola fine alle rivalità di sempre. Rivalità che si sono spesso acuite nel rivendicare o contrapporre, scuole superiori o il percorso della Pedemontana (via Cagli) con quello dell’Intervalliva (via Pergola). Di non aver mai accettato di buon cuore da parte dei pergolesi che il Vescovo Campelli della vecchia Diocesi di Cagli e Pergola, risiedesse molto di più a Cagli che a Pergola (solo qualche giorno in estate). Quando si costituirono le Comunità Montane, Cagli fu scelta come sede dell’Ente, cosa mai gradita dai pergolesi. Ma furono spesso molto tenaci nel rivendicare le presidenze e poi riuscirono anche a “sdoppiare” il Catria e Nerone con la loro C.M: quella del Catria e Cesano con sede a Pergola. Ora tutte e due sono state fortemente ridimensionate. Cagli essendo sull’antica Flaminia che collegava Fano con Roma, riuscì a sollecitare e migliorare la viabilità con una superstrada, mentre l’isolamento di Pergola è ancora un grosso handicap per tutta la vallata dell’Alto Cesano. Unica nota positiva per i pergolesi l’essere riusciti a far ripristinare nel dopoguerra (ora rischia anch’essa la soppressione) la ferrovia fino a Fabriano, mentre da Cagli fino ad Urbino non fu più ricostruita. E l’elenco delle tante e decennali contrapposizioni in questa “guerra tra poveri”, sarebbe ancora lungo ma grazie alla stretta di mano tra i sindaci Baldelli e Catena nel recente “patto di Cagli” potrebbe segnare una vera svolta. "Dopo tante divisioni del passato – Baldelli e Catena hanno entrambi condiviso - è giunto il momento che Cagli e Pergola devono essere sempre più unite, innanzi tutto nella difesa dei propri ospedali e insieme collaborare nel porre fine alle tante dimenticanze che da anni vengono fatte ai danni dei nostri territori".

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.