.

SOSTIENI CAGLI ALERT FAI UNA DONAZIONE

Guarda questo video PGR ti ringrazia

CAGLI ALERT

ARCHIVIO NOTIZIE CAGLIESI

CERCA NEL BLOG

martedì 19 marzo 2013

TEATRO CAGLI

               
                TEATRO CAGLI



Non ama parlare di se, non ama i complimenti al suo lavoro e alla sua
carriera.
Lina Job Wertmuller preferisce parlare attraverso gli avvenimenti della
Storia del Novecento,
come farà nel suo spettacolo Un'allegra fin de siècle, in scena sabato
23 marzo al Comunale di Cagli.

Uno spettacolo incentrato più sulla Storia che sullo spettacolo, o per
meglio dire sui "grandi dittatori
che hanno caratterizzato la storia di questo secolo, così ricco di
avvenimenti rispetto a quelli passati."

Non ci svela nulla di più e alla domanda su quello che, secondo lei,
sarebbe interessante fare
vedere o leggere ai giovani risponde che "bisogna vedere molti film,
perchè tutto sommato il cinema
è una forma di letteratura che ha accompagnato tutto il secolo."

In scena con lei la straordinaria voce di Nicoletta Della Corte che
canterà testi della stessa Wertmuller
arrangiati su melodie note e accompagnati al pianoforte da Andrea
Bianchi su musiche di Lilli Greco e
Lucio Gregoretti.


 LINA WERTMULLER  A CAGLI PRIMA A TEATRO 

Proseguono gli appuntamenti di una stagione eccezionale come quella di  Cagli prima A teatro con una nuova produzione che il Comunale di Cagli promuove in collaborazione con Promo Music: Lina Job Wertmuller, la regista di fama internazionale, proporrà, sabato 23 marzo (ore 21.15)  Un'allegra fin de siècle di cui è anche autrice. In scena e grande mattatrice sarà proprio la regista di Mariangela Melato e Giancarlo Giannini, che tra l'altro potrebbe anche essere presente a questa prima di Cagli, insieme alla cantante Nicoletta Della Corte e Andrea Bianchi al pianoforte che eseguirà le musiche scritte dal Maestro Lilli Greco e Lucio Gregoretti. Scenografie di Virginia Vianello. Luci di Luraij Saleri. Aiuto regia Valerio Ruiz

Una passeggiata di musica e parole che racconta il Novecento.  Ovviamente, una passeggiata ironica, satirica, grottesca, attraverso l’ottica dissacrante della Wertmüller: dalla belle époque alle due Torri Gemelle, passando per Marlene Dietrich e Rita Hayworth. Un racconto divertente, nonostante ripercorra gli eventi di un secolo che di carognate ne ha fatte tante. Insomma, gli incredibili avvenimenti che hanno percorso in un brivido di orrore e di novità, il secolo appena passato secondo Lina Wertmüller. 
“Un secolo di notevole impatto, considerando che durante quei cento anni sono successe più cose che nei precedenti trecento. - afferma la stessa autrice nelle note di regia - Questo titolo che sa di can can e di giarrettiere, in realtà racconta tutt’altro. Ma per togliervi la curiosità, dovete venire a vederlo. E credete: è un’allegra fin de siècle.”

Che si tratti di una donna straordinaria non ci sono dubbi, sul suo sito compare questa frase, scritta per lei da Henry Miller: "Avete mai visto un film di Lina Wermuller? Lina, secondo la mia opinione, è una regista migliore di molti uomini!”

Per questa occasione è stato promosso per sabato 23 marzo alle ore 18  al Ridotto del Teatro Comunale d Cagli un incontro pubblico con Lina  al quale interverranno  Franco Elisei, giornalista e Presidente  Lions di Gabicce Mare e Massimo Puliani, Docente e Presidente Istituzione Teatro Comunale. L'incontro sarà preceduto dal Saluto del Sindaco, Patrizio Catena e del Vice Sindaco, Ass.re BAC, Alberto Mazzacchera- Partertecipano i soci  UNILIT SEZIONE DI CAGLI e LIONS di GABICCE.  Biglietti:   15,00 Settore A -  8,00 euro Ridotto 8 Settore B - studenti 3,00  PRE-VENDITA ONLINE www.liveticket.it   e Prevendita a teatro da due giorni prima dello spettacolo orario 17/19.30  - telefono 0721. 781341  Info: www. www.cagliteatriemusei.blogspot.it  e.mail: cagliteatriemusei@virgilio.it
                        
BIOGRAFIA DI LINA  JOB WERTMULLER
tratta dal suo sito
Nasce a Roma da padre pugliese e madre romana. A diciassette anni si iscrive all’Accademia Teatrale diretta da Pietro Scharoff. In seguito, per alcuni anni, è animatrice e regista degli spettacoli dei burattini di Maria Signorelli. Successivamente, collabora con i registi teatrali: Guido Salvini, Giorgio De Lullo e Garinei e Giovannini.
Lavora sia per la radio che per la televisione,in veste di autrice e regista della prima edizione della celebre trasmissioneCanzonissima e del Giornalino di Gianburrasca, primo musical-comedy televisivo chiamando, per la prima volta in televisione, grandi attori di teatro come Tofano, Valeri, Garrani, Valori e collaboratori di grande qualità come Piero Tosi per scene e costumi e Nino Rota per le musiche orchestrate da Bacalov, vincitore di 3 premi Oscar.
Nel cinema entra nel 1963 come aiuto regista di Fellini sul set di Otto e mezzo collaborando anche alla stesura della sceneggiatura. Lo stesso anno segna il suo esordio con I basilischi, film che idea, sceneggia, dirige e doppia in otto personaggi secondari!
I Basilischi è una delicata analisi dei giovani della provincia del meridione italiano, affrontata con toni ironici e grotteschi. Il film viene apprezzato subito all’estero e premiato con la “Vela d’Argento” e il “Fipresci” ex-aequo al Festival di Locarno 1963, il premio della giuria dei giovani ai “Rencontres del Films pour la jeunesse”, e molti altri premi in diversi festivals: Vienna, Londra, Taormina.
Nel 1965 gira Questa volta parliamo di uomini, con Nino Manfredi, che vince la “Maschera d’Argento”; in seguito dirige con lo pseudonimo di George H.Brown due commedie musicali: Rita la zanzara e Non stuzzicate la zanzara con Rita Pavone e Giancarlo Giannini (esordiente) riunendo, anche in questa occasione, nomi prestigiosi come Gilulietta Masina, Turi Ferro, Paolo Panelli e Bice Valori.
Dirige anche un western: "La storia di Belle Stai" con Elsa Martinelli.
Dopo un periodo di collaborazione come sceneggiatrice con Cayatte, Sollima e Festa Campanile, la Wertmüller torna come regista di Mimì metallurgico ferito nell’onore, magistrale affresco del sud italiano e dei suoi miti attraverso la storia di un giovane siciliano immigrato a Torino.
E' con questo film che si stabiliscono le coordinate stilistiche e tematiche "alla Wertmüller": una satira grottesca e travolgente della società italiana a trecentosessanta gradi: dalla borghesia al proletariato. Inoltre, si impone all’attenzione del pubblico una nuova coppia: Giancarlo Giannini-Mariangela Melato, binomio perfetto per interpretare gli stereotipi nostrani, che non a caso saranno anche in seguito gli attori preferiti dalla regista.



Un'altra caratteristica dei film della Wertmüller è la grande raffinatezza delle ambientazioni, soprattutto da quando si avvale della preziosa collaborazione di Enrico Job per le scene ed i costumi. Prevale una tendenza al barocchismo che si ritrova anche negli ironici titoli dalla lunghezza proverbiale.
Da Film d’amore e d’anarchia, ovvero: stamattina in Via dei Fiori nella nota casa di tolleranza... con la coppia Giannini/Melato, a Tutto a posto e niente in ordine; da Travolti da un insolito destino… sempre con Giannini/Melato, a Pasqualino Settebellezze con Giannini; ancora, Scherzo del destino in agguato dietro l'angolo come un brigante di strada con Ugo Tognazzi; nonchè, Una notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e profumo di basilico con Michele Placido. 
Con Pasqualino Settebellezze raggiunge il successo internazionale. Conquista il mercato americano, riuscendo ad ottenere – prima donna in assoluto – 4 nominations all’Oscar.
In una notte di chiaro di luna con Peter O'Toole e Faye Dunavey prende una strada totalmente diversa che anticipa i tempi, in quanto affronta il tema dell’AIDS con una narrazione delicata ma pur sempre "agro-dolce".
Per il teatro ha scritto e diretto Due più due non fa più quattro, La cucina e Amore e magia nella cucina di mamma, rappresentato al Festival dei due mondi di Spoleto. L'esibizionista; Gianni, Ginetta e gli altri; Storia d'amore e d'anarchia; Lasciami andare madre; Molto rumore (senza) rispetto per nulla.
Nel 1987 debutta anche nella lirica, al Teatro San Carlo di Napoli e allo Stat Opera di Monaco con la Carmen di Bizet; al Teatro lirico di Atene con La Boheme
Radio 1 mette in onda Sceicchi e femministe, feuilleton radiofonico in trentadue puntate recitato dalla stessa Wertmuller e ispirato a un suo film mai realizzato.
Adatta per il piccolo schermo con Raffaele La Capria Sabato, domenica e lunedì interpretato da Luca De Filippo, Pupella Maggio, Luciano De Crescenzo e Sophia Loren che aveva già diretto in Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova...si sospettano moventi politici. Poi, Io speriamo che me la cavo, con Paolo Villaggio.
Il suo ritorno sul grande schermo è con Ninfa Plebea, film tratto dal romanzo di Domenico Rea, e Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e di politica, un lavoro in cui la regista sfodera il suo inconfondibile tono grottesco nell'affrontare il tema del conflitto di classe che,questa volta, oppone un operaio di rifondazione comunista in cassa integrazione ad una parrucchiera leghista.



Fernando e Carolina, invece, racconta l'unione di due bambini viziati che si ritrovano a letto...ovvero, gli anni adolescenziali del “re lazzarone” Ferdinando di Borbone, e il suo matrimonio con Carolina, la figlia di Maria Teresa d'Austria.
Per la Rai dirige vari documentari tra cui Una domenica sera di novembre. Per l'Enciclopedie Visuelle francaise, Vivaldi 1992 ; per Russia 90,The Russian Soul e uno sulla città di Bari in occasione dei Campionati del mondo di calcio in Italia di quell'anno.
Dirige in tv, Il decimo clandestino, da un racconto di Guareschi, con Piera degli Esposti e Dominique Sandà.
Francesca e Nunziata tratto dal romanzo di Maria Orsini Natale con Sophia Loren, Giancarlo Giannini, Raoul Bova, Claudia Gerini. Una saga familiare tra popolo e nobiltà di una donna impoverita che realizza la più grande fabbrica di pasta della Penisola Sorrentina. Il lavoro più recente è una nuova commedia dal titolo: "Peperoni ripieni e pesci in faccia" con Sophia Loren, Carolina Rosi, Angela Pagano, Elio Pandolfi.

È Commissario Straordinario del Centro Sperimentale di Cinematografia. 





Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento.